2022 record per gli export agroalimentari

I prodotti tipici del Made in Italy sono tra i più richiesti nel mondo. Lo dice l'aumento record del 17 per cento per l' export agroalimentare dello Stivale, che ha raggiunto i 60,7 miliardi di euro nel 2022 , trainato dai simboli della dieta mediterranea . Il podio dei generi gastronomici più venduti all'estero è composto da: vino , pasta e ortofrutta fresca. Questi dati emergono dall'analisi della Coldiretti , sulla base dei dati dell'Istitutonazionale di statistica ( Istat ) sul commercio estero, relativi al 2022 . I numeri segnalano, per il settore alimentare, un salto in avanti a doppia cifra , nonostante la guerra in Ucraina e le tensioni internazionali riguardo agli scambi di beni e servizi. È il mercato tedesco ad essere il principale importatore di questi prodotti, con un valore di 9,4 miliardi di euro. Al secondo posto, gli Stati Uniti , che con 6,6 miliardi superano di misura la Francia, al terzo posto, con 6,5 miliardi . Si riscontrano risultati positivi – sottolinea la Coldiretti – anche nel Regno Unito , che importa prodotti agroalimentari italiani per un valore di 4,2 miliardi di euro. Da questo dato in particolare emerge che, dopo le difficoltà iniziali legate all'uscita degli inglesi dall'Unione europea , l'export tricolore si sia rivelato più forte della Brexit . Il vino, che fa la voce grossa nella classifica dell'associazione, è stato venduto – nel 2022 – per un valore stimato intorno agli 8 miliardidi euro, grazie a un'ingente crescita delle esportazioni fuori dall'Italia. La pasta e gli altri derivati ​​dei cereali  invece, secondo le stelle di Coldiretti, hanno fruttato allo Stivale oltre 7 miliardi di euro. Infine, frutta e verdure fresche, hanno portato nelle tasche del Paese 5 miliardi e mezzo di euro. Sono aumentati in modo consistente – secondo le stime – l'export di olio extravergine d'oliva, formaggi e salumi

L'associazione sottolinea che l'andamento sui mercati internazionali, seppur sia più che soddisfacente, potrebbe migliorare. Per esempio, con una tutela più efficace nei confronti della agropirateria internazionale, che nuoce al mercato per un valore di 120 miliardi di euro. A pesare è anche la spinta della guerra, che frena gli scambi commerciali con sanzioni ed embarghi, favorisce il proibizionismo e quindi moltiplica la diffusione di alimentitaroccati ”, che non hanno nulla a che fare con il sistema produttivo italiano.“Il contributo della produzione agroalimentare Made in Italy alle esportazioni e alla crescita del Paese potrebbe essere nettamente superiore con un chiaro stop alla contraffazione alimentare internazionale”, afferma Ettore Prandini , il presidente della Coldiretti. Bisogna “cogliere l'opportunità del Pnrr per modernizzare la logistica nazionale e agire sui ritardi strutturali dell'Italia sbloccando tutte le infrastrutture per migliorare i collegamenti tra Sud e Nord del Paese – continua il dirigente – ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria ad alta velocità, con una rete di  snodicomposta da aeroporti, treni e cargo”.

Aggiornato il 17 febbraio 2023 alle ore 04:18:56