Amazon rilancia i suoi supermercati

Amazon questa volta “vuole fare le cose in grande”. La società di Jeff Bezos vuole rivoluzionare gli alimentari e i supermercati di tutto il mondo, e non si tratta di negozi online. A ribadire la sfida è in prima persona l’amministratore delegato, Andy Jassy che, parlando al Financial Times, promette di raddoppiare il business dei negozi al dettaglio, dopo una battuta d’arresto che nell’ultimo trimestre del 2022 aveva portato a una svalutazione della società di shopping in rete di 720 milioni di dollari.

Sono passati cinque anni da quando il colosso di Bezos ha acquisito la società texana di supermercati, Whole Foods, per 13,7 miliardi di dollari. Amazon, però, non ha ancora lasciato un’impronta significativa sul settore alimentare, che negli Stati Uniti vale 1,6 trilioni di dollari. La strategia industriale dell’azienda di Bellvue, Washington, è stata quella di costruire veri e propri “negozietti”, come i piccoli chioschi Amazon Go – senza cassieri e dotati di una serie di telecamere che monitorano i clienti – oltre all’ingresso nella grande distribuzione con i punti vendita Amazon Fresh.

L’idea di Bezos di aprire più di 200 alimentari negli Usa, a stata presto ridimensionata – anche a causa della pandemia di Covid-19 – a qualche dozzina, e la scarsa performance di quei pochi negozi in funzione ha portato alla svalutazione di diverse centinaia di milioni di dollari dell’anno scorso. Andy Jassy, ora, vuole ribaltare la tendenza: il fallimento, sostiene, è dovuto al fatto che “molti di questi punti vendita aprirono proprio nel cuore della pandemia”.

Ora, aggiunge, “siamo ancora nelle fasi iniziali, ma speriamo che nel 2023 riusciremo a rilanciare un formato su cui vogliamo andare alla grande, dal punto di vista della vendita fisica in negozio”.

Aggiornato il 15 febbraio 2023 alle ore 09:34:44