Dieci differenze tra i “settari” e i “dialogici” nella vita e su Twitter

Il presente e succinto promemoria parte dall’ipotesi che i “settari” siano una categoria psicologicamente, sociologicamente e culturalmente ben definibile, esattamente come i loro eterni contraltari, ovvero i “dialogici”. Ma come si fa a distinguere, nella vita e su Twitter, gli uni dagli altri? Prima differenza: i settari tendono ad asserire, i dialogici ad argomentare. Seconda differenza: i settari tendono ad essere sempre d’accordo con il loro capo carismatico, o leader, mentre i dialogici talora sono critici anche verso le persone che apprezzano e stimano di più. Terza differenza: i settari tendono a rispettare le gerarchie all’interno della loro setta; i dialogici, non identificandosi mai con alcuna setta, non hanno alcuna particolare soggezione verso qualsivoglia gerarchia. Quarta differenza: i settari tendono a muoversi e agire in gruppo, i dialogici tendono a farlo da soli.

Quinta differenza: i settari sono inclini all’offesa, mentre i dialogici solitamente ne rifuggono. Sesta differenza: su Twitter i settari tendono a mettere molti like, specialmente dove ce ne sono già tanti; i dialogici ne mettono in genere di meno, ma di più dove ce ne sono di meno. Settima differenza: i settari tendono a non cambiare opinione, anche quando non ne hanno, come spesso accade, una propria; i dialogici tendono a cambiarla con circospezione. Ottava differenza: i settari, identificandosi con la propria setta, hanno qualche difficoltà in più dei dialogici a provare vergogna, perché si appagano di surrettizie sicurezze gregarie.

Nona differenza: i settari, al contrario dei dialogici, sono per lo più incapaci di trarre un vero piacere dalla conversazione, mentre trovano soddisfazione nelle discussioni, specialmente se accese. Decima differenza: sia nella vita sia su Twitter i settari tendono a ripetere all’infinito i luoghi comuni cari alla propria setta e talora, sbagliando coordinate, inavvertitamente anche ad altre concorrenti; ripetizioni da cui invece rifuggono i dialogici.