L’ottuso impero dell’inglesorum

Nel corso di una ricerca in rete su un tema di storia contemporanea mondiale, ho incontrato un altro esempio di lingua italiana quasi disintegrata da inserimenti forzati di espressioni inglesi.

La questione della lingua è un tema antecedente al periodo di Dante e che continua ancora oggi. La lingua italiana non si è diffusa come il latino e l’inglese che si sono affermati a colpi di azioni militari e di distruzione di interi popoli.

Il testo che riporto di seguito è un esempio di lingua italiana colonizzata allo stesso modo della lingua dellIndia metà hindi e metà inglese. Un palese esempio di linguaggio indiano imbastardito è ascoltabile nei lunghi film della produzione di Bollywood che testimonia la pesante presenza degli inglesi al punto da deformarne la lingua e quindi il modo di vedere il mondo! Il controllo della lingua di un popolo è uno strumento di sottomissione violento e duro.

L’Italia è un Paese occupato da 164 basi nucleari Usa e dall’inarrestabile – fino ad oggi – incuneamento dellinglese infilato anche dove non è necessario! Uno scempio stupido ed inutile dal momento che litaliano è la quarta lingua più studiata del mondo, ma continuamente sfregiata da inglesismi spesso inutili dagli italiani sempre più impoveriti da un lessico striminzito e stritolati dal provincialismo per il quale ogni cosa estera è migliore della nostra. Un ragionamento smentito dai fatti laddove la produzione di marchi industriali italiani è ambita e ricercata in tutto il pianeta.

Ricopio il testo integrale di una pagina di un sito della sezione italiana di una società di esperti della comunicazione, con casa madre in Usa. Si tratta di unazienda che ha fornito consigli alla amministrazione di Bush nel 1990. La stessa che inventò la vicenda dei 320 bambini iracheni strappati dalle culle raccontata da una infermiera piangente davanti alle televisioni del mondo. La finta infermiera era la figlia dellambasciatore dellArabia saudita a Washington. Questa notizia falsa fu il detonatore che fece cominciare laggressione Usa allIraq.

Leggere per credere, con il consiglio di non seguire questo esempio, per evitare di recitare la parte penosa del Penitenziagite del monaco sdentato e sporco de “Il Nome della Rosa”.

"Con oltre 2000 strategist, consultant e content creator, X+Y è un network internazionale di public relation che conta più di 80 uffici in tutto il mondo.  X+Y unisce una vasta conoscenza di settore alla grande esperienza per risolvere le sfide di comunicazione dei nostri clienti. Il nostro modello di lavoro ci permette di creare per i nostri clienti team agili e flessibili, che mettono insieme le persone migliori per expertise e conoscenza della industry. Il nostro approccio si fonda su strategia, creatività e innovazione, sempre supportate da dati + analisi. Grazie alla nostra esperienza in earned, shared e owned media, riusciamo così a creare storie rilevanti su scala locale e globale”.

È lImpero ottuso e pervasivo dellinglesorum, bellezza!