La Conferenza Ifad 2022, l’innovazione e i sistemi alimentari

Iniziano i lavori di Ifad 2022, la conferenza di quattro giorni intitolata “Lavoro, Innovazione e catene di valore nell’era del cambiamento climatico: colmare il divario tra ricerca e politica”, in calendario da oggi fino al 24 giugno. Leader mondiali ed esperti internazionali si confronteranno sulle soluzioni più efficaci allo sviluppo delle aree rurali povere e all’adattamento al cambiamento climatico.

L’iniziativa vuole approfondire l’idea della cooperazione politica e la collaborazione tra pubblico e privato come generatori di innovazione e affrontare le sfide più urgenti ed importanti per l’umanità. I lavori mettono al centro l’idea di nuovo modello di sviluppo socioeconomico rigenerativo per le imprese, il vero motore del cambiamento, per accelerare e attuare la transizione ecologica.

Particolare importanza sarà dedicata all’attualità del settore agroalimentare con un panel dedicato ad “Innovazione, sistemi alimentari e sostenibilità” che vedrà la presentazione di Sara Roversi del Future Food Institute sull’immenso lavoro che il Future Food e il Comune di Pollica stanno sviluppando nel territorio del Cilento per la valorizzazione delle eccellenze locali, l’agricoltura innovativa, lo sviluppo del marketing territoriale e la narrazione antropologica della cultura del food. Un’iniziativa utile ad esaminare il ruolo degli innovatori nella promozione dell’agricoltura sensibile alla nutrizione e alla salute, uno sviluppo agricolo incentrato sugli alimenti della dieta mediterranea ricchi di varietà nutrizionali. La diversità e la sostenibilità alimentare della Dieta Mediterranea diviene il centro dell’analisi geopolitica e geografica dei territori che vogliono lavorare alla diffusione di un modello alimentare utile ad inseguire l’idea del superamento della denutrizione e della sovra–nutrizione.

Il panel interattivo analizza il ruolo dell’innovazione nella promozione delle Diete sostenibili e l’importanza di diffondere le conoscenze tradizionali legate alla buona alimentazione anche come processo di transizione climatica ed ecologica. Creare connessioni sempre più forti tra i protagonisti della dieta mediterranea è l’obiettivo lanciato dal Future Food Institute, dal Parco archeologico di Paestum e Velia e dal Centro studi sulla dieta mediterranea “Angelo Vassallo” che con il Comune di Pollica, guidato dall’amministrazione di Stefano Pisani, intendono rafforzare la partnership nell’anno in cui Pollica e il Cilento guidano il coordinamento delle comunità emblematiche della dieta mediterranea Unesco.

Una progettualità estremamente importante avviata con il protocollo d’intesa firmato in occasione dell’Eu Agrifood Week, l’evento promosso in collaborazione con la Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, da Sara Roversi, presidente del Future Food Institute, Tiziana D’Angelo, direttrice del Parco archeologico di Paestum e Velia e da Stefano Pisani, sindaco di Pollica. La conferenza Ifad 2022 diviene il luogo ideale dove diffondere innovazione e nuove opportunità legate al mondo dell’agroalimentare. Tra i principali relatori ricordiamo la presenza di Dominik Ziller, vicepresidente dell’Ifad – Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo; Ville Skinnari, ministero per la Cooperazione e lo Sviluppo e il commercio internazionale della Finlandia; l’ambasciatore Yael Rubinstein, rappresentante permanente di Israele nella Fao, Wfp e Ifad; Tanja Gren, rappresentante permanente della Finlandia nella Fao, Wfp ed Ifad; Andrea Illy, co-fondatore e co-presidente, Regenerative Society Foundation e presidente, Illy Caffè; Francisco Noguera, presidente di Innpulsa, Colombia; Phil Weilerstein, presidente di VentureWell, Usa e Luc Christiaensen, programme manager, Lavoro e mobilità del lavoro della Banca mondiale.