Tutti uguali davanti agli F24 e senza asterischi

Siamo in un Paese libero e ognuno può fare quello che ritiene. Tuttavia, altrettanto lecito è manifestare perplessità, oppure contrarietà. Mi chiedo come si sentissero le moltitudini di liceali che, fino a ieri, sono stati definiti come prevede la legge.

Sugli F24 non ci sono asterischi, ma una casella in cui si deve scegliere tra M ed F. Sono discriminatori, gli F24?

O, forse, è discriminatorio proprio l’asterisco, il quale, stato civile a parte, cancella le identità in nome di un egualitarismo che deve riguardare i diritti delle persone, l’educazione alla tolleranza, il rispetto di tutti, non le desinenze.

Mi spiace doverlo ammettere, ma la vera parità dei diritti è quella prevista dai moduli di pagamento delle imposte, davanti ai quali, a prescindere dal genere, siamo tutti uguali.
E non ci sono sconti.