Manovra, il Senato dice sì con 112 voti favorevoli

Via libera del Senato alla Manovra 2024. Il voto di fiducia chiesto dal Governo sul maxiemendamento ha incassato 112 sì, contrari 76 e tre astenuti. Ora il testo passa alla Camera per l’approvazione definitiva il 29 dicembre di Montecitorio, scongiurando di 48 ore lo spauracchio dell’esercizio provvisorio, sempre paventato e sempre scansato in extremis. L’Aula del Senato è stata sospesa, l’assemblea riprenderà i lavori per approvare la Nota di variazione di Bilancio e poi esprimerà il voto finale sul Ddl di Bilancio con la Manovra. Bagarre in aula nel corso della votazione. Nel mirino dei pentastellati è finito il capogruppo di Forza Italia, Maurizio Gasparri, contro cui i grillini hanno alzato cartelli con la scritta “Gasparri querelaci tutti”, riferiti alle querele, annunciate dal capogruppo di Forza Italia, sul caso del suo incarico nella società Cyberealm. “Che bellezza, tanto non vi inquadrano”, ha ironizzato il presidente del Senato Ignazio La Russa.

“Credo che, dopo tante belle parole, ci sia stata una caduta di tono da parte del suo gruppo, una grossa caduta di tono che mi sento di censurare”, ha detto rivolto al presidente del gruppo Movimento 5 stelle Stefano Patuanelli. “Durante la dichiarazione di voto di Matteo Renzi si è sentito distintamente, e lo ha sentito tutta l’Aula, una frase ingiuriosa del senatore Gasparri nei confronti del senatore Renzi. Per questo chiedo al presidente del Senato di intervenire”, denuncia il capogruppo di Italia viva, Enrico Borghi. Renzi nell’intervento stava criticando Forza Italia per l’astensione ieri sul Mes. “Tradisce la vostra storia e le scelte europeiste di Silvio Berlusconi. Con il voto di astensione sul Mes e capisco l’imbarazzo di Gasparri state tradendo l’eredità politica di Silvio Berlusconi”. A quel punto è arrivata la “frase ingiuriosa” di Gasparri denunciata da Borghi. L’aula ha rumoreggiato, Renzi ha interrotto l’intervento e ha chiesto di recuperare il tempo che “la volgarità e la maleducazione di Gasparri mi ha sottratto”. Quindi Borghi ha chiesto l’intervento di La Russa. “Ho capito perfettamente. Il presidente Renzi ha chiesto un esame della ripresa televisiva, la faremo e se Renzi riterrà potrà intervenire a fine seduta per fatto personale. Ma faremo comunque l’esame per valutare eventuali provvedimenti”.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, a margine dell’approvazione della Manovra in Senato, ha espresso la sua soddisfazione. “Abbiamo approvato il bilancio dello Stato, dove c’è dentro anche quello che abbiamo fatto. Tanti l’hanno criticato, siccome viviamo in tempi complicati, speriamo non sempre ci sia una guerra in Europa, abbiamo deciso di aiutare le famiglie italiane più bisognose proprio nel 2024, perché ci siamo resi conto che purtroppo questa guerra ha portato anche tanta inflazione nelle case degli italiani. Ignorare questo sarebbe ignorare la realtà”.

Aggiornato il 22 dicembre 2023 alle ore 03:19:28