Concorrenza all’italiana: i partiti inseguono 30mila concessionari di spiagge anziché 30 milioni di spiaggianti.