Luca Palamara, dopo tutto quello che ha detto, fatto e passato da magistrato e da imputato, sarebbe l’oggetto, dice lui, di “una richiesta da Nord e Sud per candidarsi”. Il rinnovamento giudiziario e parlamentare avanza sulle ali del discredito. Dalla toga al laticlavio, voilà!