Alexander Stubb è il nuovo presidente della Finlandia

Dopo uno iato di sette anni, Alexander Stubb è tornato prepotentemente sulla scena politica finlandese. L’ex premier e leader del Partito di Coalizione nazionale (Kok) ha vinto il ballottaggio contro l’esponente dei verdi Pekka Haavisto, diventando così il 13° presidente della Finlandia. Il suo incarico inizierà ufficialmente il 1 marzo, dopo che l’ex europarlamentare del Partito popolare europeo (Ppe) ha ottenuto il 51,7 per cento delle preferenze nello spareggio elettorale. Il curriculum di Stubb è squisitamente europeo, essendo stato prima consigliere e poi europarlamentare dal 2004 al 2008. Poi, per il suo Paese, è stato ministro per l’Europa e per il Commercio estero dal 2011 al 2014, ministro delle Finanze e infine premier dal 23 giugno 2014 al 29 maggio 2015.

Nel 2016 il neo presidente si è ritirato dalla vita politica, diventando l’anno dopo vicepresidente della Banca europea degli investimenti. Ma ora, con Petteri Orpo – del suo stesso partito – a capo del governo e con la Finlandia nella Nato, Stubb si è convinto a scendere in campo ancora una volta. E con successo. “Quando la patria ti chiama, ci vai – aveva detto annunciando la sua candidatura alla presidenza – Credo che uno dei compiti più importanti del prossimo mandato presidenziale sarà di lavorare a un sistema internazionale basato sulle regole”, aveva continuato Stubb nel suo comunicato. Il neo eletto capo di stato è liberal conservatore ed eurofilo, convinto che la Finlandia debba “andare al cuore della Nato, producendo e non solo consumando sicurezza”, ha spiegato l’ex europarlamentare.

“Congratulazioni ad Alex Stubb eletto nuovo presidente della Finlandia. Un caro amico con il quale abbiamo condiviso anni di lavoro al Parlamento europeo nel gruppo Ppe. Sarà un ottimo Capo di Stato che rafforzerà l’Ue”, ha twittato il vice premier Antonio Tajani sul suo profilo X, congratulandosi con il capo di Stato per la sua vittoria al ballottaggio. “Complimenti sinceri a Alex Stubb per la sua elezione a presidente della Finlandia – ha dichiarato Volodymyr Zelensky – Apprezzo il suo fermo sostegno all’Ucraina”, ha specificato il leader di Kiev. “Grazie a ogni elettore e a coloro che hanno partecipato al movimento popolare. Abbiamo fatto una grande campagna, riunito tantissime persone e ottenuto un grande risultato”. Così ha salutato i suoi sostenitori Pekka Haavisto, l’altro concorrente dello spareggio elettorale che ha perso il ballottaggio. “Grazie anche ad Alexander Stubb – ha continuato l’esponente del partito Verde – per l’onesta campagna. Buona fortuna al nuovo presidente del nostro Paese. Merita tutto il nostro sostegno per il suo lavoro”, ha chiosato Haavisto con un post su X.

Aggiornato il 13 febbraio 2024 alle ore 08:49:40