Syrsky comandante in capo delle forze armate ucraine

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha annunciato la nomina del colonnello generale Oleksandr Syrsky, comandante delle forze di terra del Paese, a nuovo comandante in capo delle forze armate dell’Ucraina. “Sono grato al Valery generale Zaluzhny per due anni di difesa. Sono grato per ogni vittoria che abbiamo ottenuto insieme e grazie a tutti i soldati ucraini...Oggi abbiamo parlato francamente del fatto che l’esercito ha bisogno di cambiamenti. Cambiamenti urgenti. Ho nominato Il colonnello generale Syrsky, comandante in capo delle forze armate ucraine”, ha detto Volodymyr Zelenskyy. Dalle parole di Volodymyr Zelenskyy risulta che considera Syrsky “il comandante ucraino più esperto”, noto per la riuscita difesa di Kyiv e la controffensiva nella regione di Kharkov. Spiegando le ragioni della sostituzione del generale Zaluzhny dalla carica di comandante in capo delle forze armate ucraine, il presidente ucraino ha affermato che l’Ucraina non è riuscita a raggiungere il successo “sul campo” nella guerra con la Russia lo scorso anno. Zelenskyy ha anche notato un “senso di stagnazione” nelle direzioni meridionali del fronte e difficoltà nelle battaglie nella regione di Donetsk.

“Ho incontrato il generale Valery Zaluzhny. L’ho ringraziato per aver difeso l’Ucraina per due anni. Abbiamo discusso del tipo di rinnovamento di cui hanno bisogno le forze armate ucraine. Abbiamo anche discusso di chi potrebbe assumere la nuova leadership delle forze armate ucraine e del perché un aggiornamento del genere sia proprio adesso. Ho suggerito che Valery Fedorovich continui a far parte della squadra. Vinceremo sicuramente!” – questo è esattamente ciò che ha detto Zelenskyy nel suo messaggio, pubblicato sui suoi social network. Il post è stato accompagnato da una fotografia congiunta con Zaluzhny, in cui entrambi si stringono la mano. “Il primo anno siamo sopravvissuti. Abbiamo iniziato a riprenderci ciò che avevamo. Abbiamo dimostrato al mondo che la Russia può perdere. Il secondo anno di questa guerra, abbiamo vinto il Mar Nero. Abbiamo vinto l’inverno. Abbiamo dimostrato che possiamo riprendere il controllo del cielo ucraino.

Ma sfortunatamente non siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi”, ha detto il presidente ucraino. Giovedì scorso, Zelenskyy ha detto di aver incontrato Valery Zaluzhny, che ricopriva la carica di comandante in capo. Dopo l’incontro, i media ucraini hanno riferito che Zaluzhny si sarebbe dimesso, ma non c’è stata alcuna conferma ufficiale dell’informazione. Fino a giovedì sera né Zelenskyy né lo stesso generale avevano annunciato direttamente le dimissioni di Zaluzhny; entrambi hanno solo annunciato imminenti cambiamenti alla guida delle forze armate ucraine. Anche Zaluzhny, commentando l’incontro con Zelenskyy, ha affermato con enfasi che “è stata presa una decisione sulla necessità di cambiare approcci e strategie”. Il ministro della Difesa ucraino Rustem Umerov ha dichiarato giovedì che è stata presa una decisione “sulla necessità di cambiare la leadership delle forze armate ucraine”. Umerov “ha ringraziato sinceramente” Valery Zaluzhny “per tutti i suoi successi e vittorie”, ma non ha pronunciato la parola “dimissioni”. “Non si tratta di cognomi. E soprattutto non di politica. Si tratta del sistema del nostro esercito, della gestione delle forze armate dell’Ucraina e di tener conto dell’esperienza dei comandanti in combattimento nell’ambito di questa guerra. Ogni soldato, ogni sergente e ogni ufficiale che sia stato al fronte capisce quali decisioni siano necessarie. Avanzamento tecnologico significativamente maggiore delle azioni dell’esercito; rotazione dei generali; i quartieri generali, a tutti i livelli, devono conoscere e sentire il fronte allo stesso modo dei soldati”, ha detto il presidente Zelenskyy.

(*) Docente universitario di Diritto internazionale e Normative sulla Sicurezza

Aggiornato il 09 febbraio 2024 alle ore 04:42:18