La pace è irraggiungibile senza la vittoria in Ucraina

L’inadeguato armamento dell’Ucraina da parte dell’Occidente ha predeterminato costosi fallimenti per la controffensiva di Kyiv. Il tentativo di rimuovere le forze russe dalle loro posizioni trincerate nel sud-est dell’Ucraina è diventato un compito difficile sia militarmente che politicamente. Kyiv si è sentita obbligata a soddisfare aspettative irrealistiche e, in particolare, a dimostrare di meritare il continuo sostegno occidentale nonostante crescenti segnali di stanchezza e distrazione. In questo senso, la controffensiva dell’Ucraina è diventata non solo un’operazione militare ma anche politica. Alcuni osservatori concludono che la controffensiva ucraina abbia raggiunto un punto morto, prolungando così la guerra di posizione. Si tratta di un risultato provvisorio. Tuttavia, per i sostenitori di una “soluzione negoziata” della guerra, basata sulle linee del fronte esistenti, è diventata una profezia che si avvera. In mezzo a una cacofonia di raccomandazioni per “porre fine alla guerra”, spiccano tre concetti. Ciascuno si ispira a modelli del passato: “congelamento” informale del conflitto (modello post-sovietico); tracciare ufficialmente una linea di demarcazione attraverso l’Ucraina (modello Corea); o garantire la sicurezza dell’Ucraina, eventualmente attraverso l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (Nato), senza pregiudicare il diritto di Kyiv di riconquistare in futuro i suoi territori occupati dalla Russia (modello della Germania occidentale). Questi tre concetti implicano lo scambio della terra ucraina con una “pace” ibrida russa. Presuppongono l’effettiva spartizione dell’Ucraina senza un trattato e persino il continuo riconoscimento dell’integrità territoriale del Paese, per quanto inefficace (modello Georgia post-2008 e Ucraina post-2014).

Modello del conflitto congelato

L’Ucraina non ha la possibilità di “congelare” la guerra unilateralmente, né di avviare un “congelamento” bilaterale con la Russia. Gli obiettivi del Cremlino in Ucraina sono illimitati ed equivalgono alla distruzione di questo Stato. Mosca riafferma continuamente questi obiettivi, insieme a suggerimenti per negoziare su questa base. Le principali vittorie ucraine sul campo di battaglia potrebbero ipoteticamente rendere la Russia suscettibile ad un “congelamento” temporaneo o locale, ma qualsiasi accordo con Mosca sarebbe ibrido per natura. Anche durante il cosiddetto “armistizio” di Minsk (settembre 2014-febbraio 2022), la Russia ha continuamente alimentato una guerra a bassa intensità, intervallata da fasi ad alta intensità, per fare pressione su Kyiv e, in ultima analisi, sull’Occidente affinché facessero concessioni politiche. Come ha sottolineato ancora una volta il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, l’Ucraina non può permettersi di smettere di lottare per la propria esistenza. Dopo lo stallo della controffensiva ucraina, il presidente Volodymyr Zelenskyy ha ritenuto necessario dire “mai più” sugli accordi tipo Minsk.

Modello coreano

Le analogie tra l’armistizio coreano e qualsiasi immaginabile armistizio in Ucraina sono insostenibili. L’Ucraina è uno Stato indipendente, la sua integrità territoriale e i suoi confini godono del pieno riconoscimento internazionale. La motivazione dichiarata dall’Occidente per sostenere l’Ucraina in questa guerra è l’inammissibilità delle conquiste territoriali e dei cambiamenti di confine attraverso la forza da parte della Russia. Cedere territori ucraini alla Russia con il pretesto di un armistizio in atto annullerebbe tale logica. La penisola coreana, tuttavia, era stata un possedimento giapponese, era stata divisa in zone di occupazione alla fine della Seconda guerra mondiale e praticamente divisa in due Stati prima dello scoppio della guerra di Corea. L’armistizio del 1953 suggellò quella situazione prebellica. La Corea del Sud si è opposta alla spartizione. I comandanti militari statunitensi lo hanno firmato insieme a Cina e Corea del Nord, ponendo fine alle ostilità. Un armistizio in Ucraina, tuttavia, sarebbe inconcepibile senza il libero consenso di Kyiv. Washington, inoltre, non ha alcuna intenzione di diventare parte, e tanto meno garante, di un armistizio in Ucraina.

La Corea del Nord continuò a esistere come Stato, senza essere annessa a una grande potenza vicina. I territori orientali ceduti dall’Ucraina, tuttavia, non diventerebbero uno Stato ma semplicemente parti della Russia. L’ammiraglio americano a riposo ed ex comandante supremo alleato in Europa James Stavridis (tra gli altri) ha preso in considerazione l’applicazione del modello coreano in Ucraina. Nel modello coreano, tuttavia, Washington garantisce la sicurezza della Corea del Sud mediante un trattato, con potenti forze basate nel Paese e forze navali di stanza in quel teatro. Gli Stati Uniti e la Nato non offrono nulla di paragonabile all’Ucraina, né sulla terraferma né nel Mar Nero, per mitigare le conseguenze della cessione dei territori ucraini alla Russia.

Modello della Germania Ovest

Accettare che una parte dell’Ucraina, quella non occupata dalla Russia, entri nella Nato è un’idea che emerge di tanto in tanto. Più recentemente, è arrivata dall’ex segretario generale dell’alleanza Anders Fogh Rasmussen. Un collaboratore di Jens Stoltenberg aveva lanciato una proposta del genere in agosto, suscitando molte polemiche. Questa idea segue ampiamente il modello dell’adesione della Germania Ovest alla Nato nel 1955. Gli alleati escludevano esplicitamente la zona di occupazione sovietica dall’ambito delle garanzie della Nato, ma riconoscevano pienamente il diritto della Germania a riunirsi in futuro. Una soluzione di questo tipo consentirebbe presumibilmente un neo-contenimento della Russia lungo la linea del fronte in Ucraina, simile al contenimento lungo il “fronte centrale” in Germania. Questa analogia, tuttavia, è sbagliata. La Germania è stata spartita come misura di punizione, mentre l’Ucraina è vittima di un’aggressione, che necessita non di una punizione ma di una soluzione riparatrice. La Germania dell’Est era nominalmente uno Stato a sé stante, né annesso all’Unione Sovietica né denazionalizzato. Quindi, i due Stati tedeschi hanno potuto riunificarsi. Al contrario, i territori dell’Ucraina occupati dalla Russia sono stati direttamente annessi alla Russia e vengono de-ucrainizzati e russificati. Inoltre, gli Stati Uniti e le altre potenze della Nato hanno mantenuto un’ampia presenza militare nella Germania occidentale, mentre la Nato e Washington evitano qualsiasi intenzione di intervenire sul terreno in Ucraina.

Perché occorre sconfiggere la Russia sul campo

I modelli passati di gestione dei conflitti con la Russia non sono applicabili alla guerra in corso in Ucraina. Impegnarsi in qualsiasi negoziato con Mosca finché le forze russe occupano parti dell’Ucraina sarebbe una proposta controproducente. Sconfiggere la Russia sul campo di battaglia in Ucraina è l’unico mezzo disponibile per evitare un altro conflitto prolungato con effetti a catena dirompenti sull’ordine politico, economico e di sicurezza dell’Europa.

(*) Docente universitario di Diritto internazionale e normative per la sicurezza

Aggiornato il 02 dicembre 2023 alle ore 11:09:50