Prima ci sono state le celebrazioni, impregnate di una insopportabile ipocrisia. Sulla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino il problema non è solo quello dei depistaggi (che devono essere risolti in sede giudiziaria), ma anche quello di un inquinamento della memoria.