Le low cost non sono morte

L’aumento dei costi e il calo degli spostamenti mettono sotto pressione la marginalità delle compagnie aeree, ma le low cost continueranno a giocare un ruolo centrale nel mercato. Lo sostiene Andrea Giuricin, fellow dell’Istituto Bruno Leoni, nel Focus La notizia della morte delle low cost è ampiamente esagerata.

Spiega Giuricin: “Il costo medio per una compagnia ultra low cost era di circa 35 euro per un posto che viaggiava 1000 chilometri. Un livello estremamente basso. Anche considerando un aumento del 50 per cento dei costi, si arriverebbe a circa 50 euro per un posto che viaggia 1000 chilometri, ma per adesso l’ordine di grandezza degli incrementi è molto inferiore. Fra pandemia e guerra, viviamo in un contesto segnato da forte incertezza. Il ‘new normal’ potrebbe essere dunque caratterizzato da prezzi strutturalmente superiori a quelli del 2019, ma non dalla morte delle low cost”.