Benzina ai minimi di un anno, al self è sotto 1,7 euro

La media nazionale della benzina verde si attesta sulle 1,696 euro al litro. Continua il calo dei prezzi dei carburanti sulla rete italiana con la benzina al self service che scende nella media nazionale sotto 1,7 euro al litro. In base all’elaborazione del Quotidiano Energia, il prezzo medio praticato della benzina in modalità self service è scesa per l’appunto a 1,696 euro al litro (contro 1,709 di venerdì). Se si incrociano i dati con quelli settimanali del Ministero della Transizione Ecologica, si tratta del minimo da inizio ottobre 2021, ovvero da circa un anno.

Il prezzo medio del diesel self va invece a 1,809 euro al litro (contro 1,821 di venerdì). Quanto al servito, la benzina è a 1,844 euro al litro e il diesel a 1,954 euro al litro. I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,794 a 0,819 euro/litro e quelli del metano auto si collocano tra 2,929 e 3,312. Sui prezzi dei carburanti continua a incidere positivamente il taglio delle accise deciso dal governo Draghi a marzo e appena prolungato fino al 17 ottobre. “Senza il taglio delle accise – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi– i prezzi dei carburanti sarebbero ancora abbondantemente superiori ai 2 euro al litro, e proprio per questo riteniamo che sui prezzi di benzina e gasolio non sia stato fatto abbastanza, e che prorogare ogni 15 giorni gli interventi sulle accise non possa essere la soluzione al problema dei listini dei carburanti”.

In una nota dell’associazione, Rienzi sottolinea che “un litro di gasolio costa in media il 19,3 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2021, quando il prezzo medio del diesel si attestava a 1,516 euro al litro quasi 30 centesimi di sovrapprezzo e nonostante il taglio delle accise disposto dal Governo. Questo significa che per un pieno di diesel si spendono oggi 14,65 euro in più rispetto allo scorso anno, con una maggiore spesa su base annua pari a +352 euro a famiglia”.