Diffusione dei sistemi digitali per la promozione del vino

Sono in arrivo nuovi e considerevoli finanziamenti per le imprese produttrici di vini Dop, Igp e biologico, che esercitino attività di agriturismo ed enoturismo e vogliano investire in sistemi digitali per migliorare le attività di promozione, disseminazione e divulgazione nei confronti dei consumatori. Favorire la promozione dei territori anche in chiave turistica e il recupero di antiche tradizioni, legate alla cultura enogastronomica, delle tantissime e variegate realtà territoriali diviene una priorità per le istituzioni locali e regionali che provano ad attirare interesse con la nuova stagione estiva in arrivo, riscrivendo le logiche del marketing territoriale e della promozione digitale delle eccellenze enogastronomiche.

L’aiuto alle imprese produttrici di vino sarà concesso a fronte di investimenti in moderni sistemi digitali, attraverso l’impiego di un codice a barre bidimensionale (Qr code) apposto sulle etichette che consente una comunicazione dinamica dal produttore verso il consumatore, veicolando quest’ultimo su website e portali web istituzionali dedicati alla promozione culturale, turistica e rurale dei territori locali, nel rispetto dei regolamenti europei in materia di informazioni sugli alimenti, di etichettatura e presentazione dei vini. La manovra ha affidato a un decreto del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, la disciplina attuativa dell’agevolazione, che ora si avvicina all’operatività.

L’8 giugno la Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera allo schema di decreto predisposto dal Mipaaf, di concerto con il ministero del Turismo, che contiene i criteri e le modalità per l’assegnazione dei contributi. Gli aiuti andranno ai produttori di vino Dop, Igp e biologico che esercitano anche attività agrituristica ed enoturistica. Il settore vitivinicolo sta ritornando ai volumi di fatturato pre-emergenza sanitaria, un settore in ripresa, con risultati più che buoni nell’export, nella grande distribuzione e in decisa e rapida crescita nell’e-commerce.

Le peculiarità delle produzioni vinicole devono essere esaltate da strategie di comunicazione capaci di conquistare in modo creativo l’utente, offrendo prospettive sempre nuove non solo del prodotto vino ma anche del territorio da cui nasce e dei metodi di produzione. La sostenibilità è un valore da perseguire in maniera trasversale e da cui poter trarre beneficio, se applicata in modo integrato e comunicata con gli strumenti idonei nei vari canali di comunicazione. I canali di vendita tradizionali da anni non sono più sufficienti ma vanno affiancati da strategie di vendita on-line, con la costruzione di piattaforme su misura in grado di comunicare e commercializzare il prodotto in tutto il mondo e soprattutto nei mercati in cui è molto richiesto. Gli e-commerce devono preformare e garantire elevate prestazioni in tutte le fasi di utilizzo, dalla ricerca del prodotto fino alla fase dell’acquisto con particolare attenzione ai metodi di pagamento e al customer care.

Inoltre, per sostenere le imprese del settore, il Governo italiano ha stanziato un pacchetto di finanziamenti compreso nel Piano nazionale di ripresa e resilienza e gli incentivi sono stati promossi per sostenere le imprese nella realizzazione di e-commerce, investimenti in azioni volti alla trasformazione digitale e alle attività legate alla promozione internazionale.