Pink Floyd: braccio di ferro sul catalogo milionario

Un vero e proprio braccio di ferro. Per acquistare il catalogo musicale completo dei Pink Floyd ecco il “duello” tra Bmg e Warner Music. L’accordo, a conti fatti, potrebbe superare i 500 milioni di dollari. A darne notizia è il Financial Times.

La questione è praticamente questa. La storica band britannica ha intenzione di vendere i diritti d’autore e anche quelli di registrazione. In tal modo, il catalogo rappresenterebbe una delle pietre più preziose mai approdate sul mercato. Un’idea che, in qualche modo, potrebbe seguire il percorso andato in scena di recente con Bob Dylan e Bruce Springsteen. Per esempio, la cessione del catalogo da parte di The Boss è andata in porto con un valore di 550 milioni di dollari, ossia il maggior accordo di sempre nei diritti musicali. Primato che potrebbe essere superato dalla mossa del gruppo noto per successi quali Money (guarda il caso) e Shine On Your Crazy Diamond.

Negli Usa, peraltro, i Pink Floyd hanno venduto qualcosa come 75 milioni di album (stando alla Recording Industry Association of America) contro i 65,5 milioni di Springsteen. Quest’ultimo ha ceduto il catalogo a dicembre. Ossia in una situazione economica decisamente diversa, dal momento che i prezzi della musica sono calati negli ultimi mesi con l’aumento dei tassi di interesse e un rallentamento dell’economia.