Daniele Silvestri, “da 30 anni (fortunati) racconto storie”

Nell'estate 1994 Daniele Silvestri pubblica il suo primo disco, che porta il suo nome. Con il debutto, il cantautore romano conquista la Targa Tenco per il miglior album d'esordio. “Sono stati 30 anni fortunati, e la cosa più bella è che ciò che hai imparato a fare, cioè suonare, è diventato il tuo mestiere. E non c'è maggior fortuna – sostiene Silvestri – nel fatto che si sia prolungata per tanto tempo, anche oltre quello che pensavo”. Il musicista festeggia il trentennale con una serie di concerti, Il cantastorie recidivo . Si tratta di un programma di 30 esibizioni all'Auditorium Parco della musica di Roma , da domani fino al 14 aprile . “Ho sempre pensato che mi sarei fermato quando non avrei avuto più storie da raccontare, e anche se so che succederà, per ora non è così”. Secondo Silvestri, “scrivere canzoni è un modo un po' paraculo per dire la tua opinione su qualunque cosa. E per andare oltre te stesso. A volte le canzoni arrivano dove neanche tu avevi previsti arriveranno: è il caso di A bocca chiusa , che Paola Cortellesi ha inserito nel suo film C'è ancora domani . Un piccolo miracolo di cui sono grato e non ho merito”.

Domani il cantante sale sul palco della Sala Petrassi . «Quella più simile a un teatro, che è il mio primo vero amore e ho capito da tempo essere casa mia per ripercorrere la sua storia, la mia personale, ma anche quella collettiva. Non sarà facile farci stare tutto dentro in due atti per tre ore di spettacolo, ma questo mi ha sempre contraddistinto. Sarà uno spettacolo ogni sera diverso, con tanta leggerezza, ma anche con una forte connessione con Emergency . L'attualità entrerà per forza, perché non possiamo girare la testa da un'altra parte davanti a quello che succede ogni giorno. Non si può far finta che la guerra non faccia parte delle nostre vite. La politica c'è perché c'è sempre stata”. Oltre ad Emergency , sarà coinvolto anche il produttore-editore Domenico Procacci con la sua Fandango , perché a un certo punto il racconto diventerà una conversazione approfondita, un podcast e videopodcast, dal titolo non casuale, Le cose che abbiamo in comune , che avrà una vita a sé.

Naturalmente non mancheranno gli ospiti e gli amici: Max Gazzé e Niccolò Fabi sono stati già precettati, anche in vista dell'evento del 6 luglio al Circo Massimo per festeggiare un altro anniversario: quello dei dieci anni de Il padrone della festa . «Alcuni ospiti sono prevedibili, altri meno. Avevo chiesto anche a Daniele De Rossi , ma ha qualche altro impegno”, ammette Silvestri, nel giorno dell'esonero di Josè Mourinho alla Roma , sostituito proprio dall'ex capitano giallorosso. “Dal punto di vista del tifoso sono entusiasta per lui, da quello dell'amico sono preoccupato”.

Aggiornato il 17 gennaio 2024 alle ore 04:49:46