Un piccolo esempio, ovviamente estremizzato, sui danni che potrebbero derivare all’articolista nel caso le idee poste alla base del Ddl Zan fossero tradotte in legge.

Logica consequenziale:

1) Nessun pittore sudamericano ha mai raggiunto una tale quotazione. Frida è anche donna, del resto.

2) Molti pittori europei, invece, l’hanno raggiunta e superata.

3) I pittori europei sono migliori.

4) Il Sudamerica produce artisti di minor valore.

5) Evidentemente gli europei sono migliori.

Una sciocchezza, lo so. García Márquez (artista colombiano e dunque sudamericano) si iscrive tra i grandi della letteratura. E non è il solo. Frida Kahlo è grandissima. Le quotazioni di Frida non dipendono dalla sua provenienza geografica e comunque il valore della sua arte non si misura col denaro.

Però qualcuno potrebbe dire che il titolo dell’articolo è discriminatorio e scatenare l’inferno, mentre, all’inferno, dovrebbero andarci gli oscurantisti.