La scatola del sonno dei Zuckerberg

Anche i ricchi dormono male. Ne sa qualcosa Priscilla Chan, moglie di Mark Zuckerberg, il creatore del social network più usato al mondo, cui patrimonio è stimato intorno ai 74 miliardi di dollari.

Dopo la nascita della secondogenita, August, la signora Zuckerberg, già mamma della piccola Maxima, non ha più recuperato regolarità nel dormire. E proprio per aiutarla a ritrovare il sonno perduto, il marito ha inventato “la sleep box”, una piccola scatola quadrata di legno con all’interno una lampadina che emette una luce abbastanza potente da essere usata come sveglia.

In sostanza, la “scatola del sonno” si posiziona sul comodino e tra le 6 e le 7 del mattino - quando le figlie di Zuckerberg dovrebbero svegliarsi - inizia ad emettere una luce fioca che fa capire che è tempo di alzarsi dal letto. Non disponendo di un orologio, se una persona si sveglia nel cuore della notte sa che può rimettersi a dormire senza preoccuparsi dell’orario.

Più discreta di una sveglia, la scatola non occupa tantissimo spazio e sembra aver aiutato tantissimo i ritmi familiari del guru social. Il fondatore di Facebook ha detto di avere creato il box per riconoscenza verso la moglie, per il grande lavoro da mamma che sta svolgendo. Desta curiosità però che un miliardario americano debba progettare, con un budget di pochi dollari, un dispositivo per il sonno, senza pensare di ricorrere ad tecniche più sofisticate e costose. Che lo stile di vita dei due fosse low profile era cosa nota. Basti pensare che spesso guidano automobili valutate a meno di 30mila dollari. Non sorprende quindi che per ritrovare la pace in casa, l’ex di Harvard si sia rimboccato le maniche per mettere a frutto le sue doti da giovane MacGyver, trasformando il suo hobby in un ennesimo successo imprenditoriale.