Accordo Ue-Cina sui prodotti Dop, 26 sono italiani

Intesa tra Bruxelles e Pechino per la difesa delle indicazioni geografiche. Dal Barolo al Grana Padano, sono 26 le Dop e Igp italiane che saranno tutelate in Cina, secondo l’accordo siglato dall’Ue che prevede il mutuo riconoscimento di cento prodotti a indicazione geografica. La lista finale di vini, formaggi e salumi è stata pubblicata dalla Commissione europea. Tra i cento prodotti cinesi che entreranno nel registro Ue della qualità ci sono il riso Panjin, diverse varietà pregiate di tè e le bacche di goji Chaidamu. L’accordo prevede l’estensione della lista per proteggere altri 175 prodotti dopo quattro anni dall’entrata in vigore dell’accordo.

Con 26 denominazioni l’Italia è il Paese più rappresentato nella lista insieme alla Francia. Si attendono i dettagli sulle eccezioni che potrebbero essere state adottate in seguito all’opposizione alla registrazione, sollevate soprattutto da operatori di mercato di paesi terzi contro una ventina europei e una decina di cinesi nell’elenco. Il negoziato per l’accordo di mutuo riconoscimento di cento Dop e Igp è iniziato nel 2017, e si lega a un altro programma simile che nel 2012 aveva posto le condizioni per lo scambio di dieci prodotti. La Cina è il secondo mercato per l’agroalimentare Ue con esportazioni dal valore di 12,8 miliardi. L’accordo ora entra nella fase di scrutinio legale e verrà esaminato da Consiglio Ue ed Europarlamento. La Commissione prevede l’adozione prima della fine del 2020.