Facebook nel panico dopo audizioni Usa

Questa azione è bloccata. Sembra che in uno dei dispositivi con cui hai effettuato l'accesso a Facebook sia presente un software dannoso denominato malware. Per proteggere il tuo account, abbiamo momentaneamente bloccato il normale uso di Facebook. Se possibile, rimuovi subito il malware dal dispositivo interessato. Per aiutarti, ti forniremo istruzioni quando aprirai Facebook su tale dispositivo. In alternativa, il problema verrà risolto automaticamente tra qualche giorno. Se ritieni di visualizzare questo messaggio per errore, comunicacelo”.

Il panico sta giocando brutti scherzi a Mark Zuckerberg e soci dopo le due audizioni fiume al Congresso e al Senato degli Stati Uniti d’America. Infatti, come usano fare tutti coloro che si buttano con le mani in avanti per non cadere dietro, ecco i messaggi di blocco temporaneo come quello su citato che sono stati inviati a migliaia di utenti, e non solo in Italia. La triste verità, emersa dalle due audizioni fiume, circa dieci ora tra Senato e Congresso tra il 10 e l’11 aprile scorso, non è quella quasi agiografica letta nei maggiori quotidiani europei. No, Mark Zuckerberg ha dovuto ascoltare, quasi a capo chino, le contumelie sulla privacy e sui dati venduti o lasciati acquisire sotto banco alle varie Cambridge Analytica di mezzo mondo. E anche in Italia ci sono stati acquirenti commerciali e politici e non è nemmeno troppo difficile immaginare chi possano essere.

In particolare, non è piaciuta l’allusione di Zuckerberg alla possibile contromisura contro gli avvoltoi dei dati degli utenti: mettere una privacy a pagamento. Qualcuno ha scritto sui giornali americani che è veramente inaudito che chi porta la responsabilità di questo casino – che la metà basta – “osi” offrire come parziale rimedio a questo avvelenamento fatto di fake news una sorta di antidoto ma a pagamento. È come se un costruttore di case antisismiche farlocche che non abbiano resistito a un modesto terremoto da due gradi della scala Mercalli si offrisse di ricostruirle per le vittime, ma a loro spese.

La verità e che l’azienda Facebook è nel panico. Nata per caso e sviluppatasi senza regole - e soprattutto senza alcuna organizzazione - nei tempi d’oro della crisi dei subprime americani, adesso si ritrova a fare i conti con questi problemi cui si aggiungono quelli dei misteriosi moderatori dei Paesi arabi e terzomondisti che dividono il bene e il male di chi pubblica e condivide secondo proprie personalissime visioni del mondo. Va detto che la capitalizzazione in Borsa di un gigante come Facebook ne fa di fatto una ditta “too-big-to-fail”. Ma di sicuro né Zuckerberg né i suoi soci sono così potenti da evitare incriminazioni e arresti futuri se dovesse emergere qualcosa d’altro di grave e indicibile. E finora non detto.