Foto e video intimi di Giulia Sarti, interviene il Garante

La politica italiana esprime solidarietà a Giulia Sarti. A proposito del caso dei video e delle foto intime della deputata grillina che circolano sul web. La vicenda ha spinto il Garante della Privacy a intervenire per richiamare i media al rispetto del codice deontologico, astenendosi “dal diffondere dati riguardanti la sfera intima di una persona per il solo fatto che si tratti di un personaggio noto o che eserciti funzioni pubbliche”. Le immagini private sarebbero state registrate nell’abitazione della Sarti. L’esistenza delle immagini sarebbe stata rivelata alla redazione del programma tivù Le Iene dall’ex collaboratore e fidanzato della deputata Bogdan Tibusche. L’uomo avrebbe installato, su richiesta della Sarti, un impianto di videosorveglianza in casa.

La deputata era assurta agli onori della cronaca in quanto protagonista del cosiddetto scandalo “Rimborsopoli” del M5s. Il Pd si è rivolto al presidente della Camera Roberto Fico, per chiedere di verificare se sia vero che a casa dell’ex presidente della commissione Giustizia della Camera venissero “effettuate riprese video di incontri politici” o a carattere istituzionale. La vicenda non fa venire meno la solidarietà alla parlamentare. Da Alessia Rotta a Paola Taverna, da Laura Boldrini a Giorgia Meloni a Mara Carfagna. Le donne della politica manifestano la loro vicinanza per questo “vergognoso atto di cyber-bullismo”.

Sul caso mancava la versione delle Iene. Eccola: “Noi – sostiene la redazione del programma – indaghiamo su questioni di pubblico interesse, su dove potrebbero essere finiti i soldi che la parlamentare aveva dichiarato di aver restituito al fondo per il microcredito e che sarebbero stati dedicati anche all’eventuale acquisto di apparecchi di videosorveglianza forse per girare filmini privati. Questo non c’entra nulla con la diffusione del materiale rubato all’onorevole anni fa dalla sua posta elettronica”.