Fdi, Crosetto abbandona la politica

Guido Crosetto si dimette da deputato. Il suo stava rischiando di diventare il nuovo “caso Vacciano” del Parlamento italiano. Il senatore ex cinque stelle poi gruppo Misto, che nella scorsa legislatura, per ben cinque volte, aveva tentato di lascare Palazzo Madama, senza mai farcela. Il deputato di Fratelli d’Italia, invece, ce l’ha fatta. Crosetto, al terzo tentativo, è riuscito ad ottenere le dimissioni. Il coordinatore del partito guidato da Giorgia Meloni ora ha intenzione di abbandonare la politica attiva per dedicarsi, a tempo pieno, alla presidenza dell’Aiad, la Federazione che riunisce le aziende del comparto difesa, aerospazio e sicurezza. Un incarico che sarebbe, in ogni caso, incompatibile con quello di parlamentare.

Oggi, con l’astensione di Fdi e Forza Italia, la richiesta motivata come “piacere personale” dallo stesso Crosetto è stata accolta. L’aula di Montecitorio ha detto “sì” alle sue dimissioni. I voti favorevoli sono stati 231, i contrari 31, gli astenuti 126. Così, Crosetto è ufficialmente fuori dal Parlamento. Non è più deputato. Dopo il voto i parlamentari hanno salutato l’ormai ex collega con un caloroso applauso. Prima della votazione, Crosetto era intervenuto per chiarire il perché di questa decisione. “La mia – ha detto – è una decisione sofferta. Non è una scelta di convenienza ma è dettata dal ragionamento. Ho avuto in questi anni la consapevolezza di servire a qualcosa di più grande di me. Questa Aula ci dà la consapevolezza del nostro ruolo, ci rende migliori. Ho rispettato tutti e da tutti sono stato rispettato. Sono onorato di essere stato qui. Il mio impegno politico continuerà”.