Amministrative Marche: Cangini e Fiori (FI), bene centrodestra

Nelle Marche si votava in 16 Comuni tra i quali il capoluogo di Regione, Ancona e in 3 città con popolazione superiore ai 15mila abitanti: Falconara (An), Porto Sant’Elpidio (Fm) e Grottammare (Ap).

“I risultati sono assolutamente positivi per il centrodestra unito – dichiarano il senatore Andrea Cangini e Marcello Fiori, commissario per le elezioni nelle Marche e responsabile enti locali di Forza Italia – soprattutto quando riesce anche a mobilitare vasti settori della società attraverso il coinvolgimento di movimenti civici. Ad Ancona, ed è un risultato storico, il candidato di questo vasto schieramento, Stefano Tombolini, conquista il ballottaggio (con il 28,4 per cento dei consensi) contro la candidata e sindaco uscente del centrosinistra. Anche a Falconara (An) e Porto Sant’Elpidio (Fm) i nostri candidati il 24 giugno si sfideranno al ballottaggio con esponenti del centrosinistra. Solo a Grottammare non riusciamo nell’impresa. Anche in alcuni Comuni inferiori ai 15mila abitanti riusciamo ad avere ottimi risultati, attraverso liste civiche, come a Montegiorgio (Fm) dove si afferma come sindaco Michele Ortenzi con il 51.5 per cento e a San Ginesio (Mc) dove diviene primo cittadino Giuliano Ciabocco con il 58,3 per cento. Anche ad Ussita (Mc), comune drammaticamente colpito dal terremoto, si afferma una lista civica di area di centrodestra con il sindaco Vincenzo Marini Marini così come ad Auditore (Pu) con la conferma del sindaco uscente Giuseppe Zito. In questo scenario assolutamente positivo che segna anche un significativo arretramento del Movimento 5 Stelle (il cui candidato vince solo nel comune di Castel di Lama in provincia di Ascoli Piceno), Forza Italia si è battuta con passione e determinazione, spesso mettendo a disposizione le proprie energie migliori a favore di movimenti civici ed espressione del territorio pur di far affermare la coalizione di centrodestra e a tutti i nostri candidati esprimiamo un sincero ringraziamento. Ora il nostro impegno continua nei Comuni dove siamo al ballottaggio e continua l’opera di ri-costruzione del nostro movimento politico (appena avviata dopo anni di assoluto abbandono), attraverso un radicale rinnovamento e apertura alle migliori risorse della società disponibili a impegnarsi per la realizzazione di condizioni di sviluppo, sicurezza e benessere della propria comunità”.