La sonda Parker a 42 mln di km dal Sole

La sonda Parker della Nasa ha battuto il record di avvicinamento al Sole, diventando il primo veicolo a trovarsi così vicino alla nostra stella nella storia dell'era spaziale. Si trova a circa 42 milioni di chilometri dal Sole e il suo obiettivo è avvicinarsi a poco più di 6 milioni di chilometri nel 2024. Intanto si prepara al suo primo incontro ravvicinato con il Sole, previsto il 5 novembre, quando la sonda si troverà a 39 milioni di chilometri dalla stella, che apparirà 6 volte più grande rispetto a quanto appaia dalla Terra, e raccoglierà i primi dati che invierà in dicembre. "Sono passati solo 78 giorni da quando la sonda è stata lanciata e ora siamo più vicini alla nostra stella di qualsiasi altro veicolo nella storia dell'era spaziale", ha dichiarato il responsabile della missione Andy Driesman, dell'americano Johns Hopkins Applied Physics Laboratory. Il veicolo ha battuto il record fissato dalla sonda tedesco-americana Helios 2 che nell'aprile 1976 si era avvicinata a 43,4 milioni di chilometri dal Sole. "È un momento di orgoglio per la squadra - ha proseguito - anche se restiamo concentrati sul nostro primo incontro con il Sole, che inizierà il 31 ottobre".

Intanto anche la sonda Voyager 1 della Nasa ha stabilito un nuovo record, raggiungendo la distanza dalla Terra di 20 ore luce, vale a dire più di 21 miliardi di chilometri. Si tratta, anche in questo caso, di un record assoluto nella storia dell'esplorazione spaziale, e arriva poco tempo dopo quella riguardante la sua gemella Voyager 2, che si trova invece a più di 17 miliardi di chilometri dalla Terra, pronta a varcare i confini del Sistema Solare e ad entrare nello spazio interstellare, come ha fatto Voyager 1 nel 2012. L’obiettivo delle due sonde infatti, in viaggio fin dal 1977, è quello di arrivare dove nessuno prima è mai arrivato. Le due sonde gemelle sono state inizialmente lanciate con l’obiettivo di esplorare Giove e Saturno. Dopo aver portato a diverse importanti scoperte, come i vulcani attivi su Io, una delle lune di Giove, e la complessità degli anelli di Saturno, la loro missione è stata prolungata: Voyager 2 è stata spedita a studiare Urano e Nettuno e per ora è l’unica sonda ad aver visitato questi due pianeti.