L’oscuro gioco cinese tra nuovi casi non dichiarati e le accuse all’Italia

Il danno e la beffa è il sunto dei rapporti tra Italia e Cina. Mentre le televisioni nazionali della nostra penisola continuano a diffondere notizie dei grandi aiuti umanitari dalla Cina, aiuti che il governo italiano ha pagato, le autorità cinesi continuano a muoversi in un gioco pericoloso tra accuse reciproche e falsità nel riportare i dati. Gli interrogativi sull’affidabilità e le falsità dei dati cinesi continuano ad essere tanti e a caratterizzare il dibattito politico internazionale. Il gruppo Caixin, l’insieme di media finanziari più influenti della Cina riconosciuti a livello mondiale come fonte del giornalismo investigativo indipendente, svela che nuovi casi di positivi asintomatici al Covid-19 vengono accertati ogni giorno ma le disposizioni della Commissione di sanità nazionale escludono tali nuovi dati dai numeri pubblicati.

I giornalisti del Caixin non si limitano alla pura narrazione degli avvenimenti ma rivelano chiaramente la volontà di insabbiamento da parte delle autorità cinesi. Benché gli ultimi dati ufficiali parlino di pochi o nessun nuovo caso “indigeno” di Covid-19 sul territorio cinese, le fonti giornalistiche indipendenti continuano a diffondere dati su ulteriori infezioni che vanno oltre la decina al giorno nella città di Wuhan, al centro dell’epidemia.

Persone che si sono rivelate positive al Covid-19 ma che non si sentono male e che sono escluse dai numeri pubblicati. “Dal 27 dicembre all’11 gennaio, sia la popolazione cinese che la comunità internazionale sono state tenute all’oscuro dal governo di Pechino dell’esistenza, delle caratteristiche e del pericolo di diffusione del nuovo Coronavirus. Il Partito comunista ha deliberatamente deciso di occultare gli avvertimenti degli specialisti e i risultati delle prove effettuate. Quindici giorni probabilmente decisivi per il contenimento dell’epidemia, durante i quali un problema locale si è trasformato in fenomeno globale, per la manifesta volontà di insabbiamento e disinformazione delle autorità”, riporta la rivista Start Magazine, ribadendo nuovamente le falsità internazionali del regime di Pechino. Secondo i dati, più di tremila operatori sanitari hanno contratto il virus in Cina e una decina di medici sono morti.

Tali dati non vengono diffusi internamente dalle autorità di Pechino e giungono all’informazione occidentale grazie ai media indipendenti e all’azione della stampa libera di Hong Kong e Taiwan. Intanto, le falsità del regime di Pechino, a livello internazionale, continuano indisturbate e nell’indifferenza della nostra politica nazionale. In un primo momento il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian e a seguire i media di Stato cinesi avevano accusato, con compagne mediateche quotidiane, gli Stati Uniti di aver scatenato la pandemia del Covid-19 in Cina, portando il ceppo a Wuhan durante i giochi militari. Da qualche giorno la stampa del regime cinese cambia bersaglio: sarebbe l’Italia l’untore del mondo.

In un’accurata ricostruzione elaborata da Maurizio Turco ed Irene Testa, segretario e tesoriere del Partito radicale, viene analizzata la deformazione utilizzata internamente dalle autorità cinesi riguardo le dichiarazioni del professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, il quale avrebbe affermato di “aver osservato polmoniti molto strane, e molto gravi, soprattutto fra persone anziane già a dicembre e perfino a novembre”. Sarebbe questa la “prova” che il virus circolava in Italia prima ancora che i dottori in Cina ne fossero a conoscenza, e quindi che sia dunque stata l’Italia a non informarne tempestivamente le autorità internazionali competenti. Dichiarazioni scioccanti che le nostre autorità politiche ignorano.

In Cina, un’iniziale negazione politica ha permesso al virus di diffondersi per settimane, prima a livello nazionale e poi globale, prima che una serie di misure incisive si dimostrasse ragionevolmente efficace. Il gioco cinese è molto chiaro e lucido: lanciare l’idea internazionale di aiutare l’Italia apparendo come i salvatori della bella Italia e a livello interno diffondere notizie sul contagio iniziale nato in Italia, esprimendo paura per i contagi di ritorni che potrebbero provenire dall’Italia. Le nuove visioni geopolitiche della tigre asiatica sono chiare e il folle disegno delle autorità cinesi è limpido quanto brutale. Stiamo già pagando le conseguenze della nostra sottomissione alle politiche autoritarie di Pechino.