L’unica risposta europea seria all’imperialismo democratico di Biden

L’Unione europea non è stata in grado di sfruttare bene la grande opportunità fornita dall’avversione isolazionista di Donald Trump verso l’Alleanza atlantica. Quella era l’occasione per riprendere il progetto di una difesa comune, magari ammodernando la parte del naufragato trattato istitutivo della Comunità europea di difesa dove si prevedevano divisioni comuni, allargandolo anche a unità di marina ed aeronautiche, sotto il comando dello Stato maggiore dell’Uem (Unione economica monetaria) e la responsabilità politica del presidente della Commissione, nel momento un ex ministro della Difesa.

Ora arriva Joe Biden, così democratico che parla agli europei come un imperatore. Raccoglie perplessità francesi e tedesche ma non uno in grado di replicare con una vecchia idea di John Fitzgerald Kennedy: l’Alleanza deve ristrutturarsi su due pilastri, Stati Uniti d’America ed Unione europea. Sveglia, se gli europei vogliono essere sovrani debbono fare con la difesa quel che hanno saputo fare con la moneta.