Il tempo di Papa Francesco e Lula

Come Giovanni Paolo II non ebbe esitazioni a far sapere che sosteneva Giulio Andreotti nel suo tentativo di resistenza a chi lo processava per sbatterlo in galera e gettare la chiave, così Francesco ha manifestato tutto il suo sostegno all’ex Presidente del Brasile Lula, da poco scarcerato per una vicenda di corruzione ed in attesa del processo d’appello, ricevendolo in udienza privata in Vaticano ed autorizzandolo a diffondere foto dell’incontro che testimoniano la solidarietà e l’amicizia del Papa nei suoi confronti.

Questo significa che i Papi cambiano ma la Chiesa è sempre garantista? Chi lo pensa forse si illude. Morto un Papa se ne fa un altro. Ma ognuno è figlio del suo tempo. E quello attuale del peronismo e del lulismo antioccidentali, che con il garantismo non c’entrano un bel nulla!