Luna, presentata la navicella spaziale di Jeff Bezos

“È ora di tornare sulla Luna”. Parola di Jeff Bezos. Il 55enne Ceo di Amazon e di Blue Origin ha presentato a Washington il progetto “Blue Moon” di fronte ad un pubblico composto da numerosi rappresentanti della Nasa, ricercatori, giornalisti e studenti. La navicella spaziale potrà trasportare sulla Luna un cargo e astronauti, in linea con il recente annuncio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di una missione sul satellite della Terra entro il 2024.

In metallo, con dei particolari in blu, il veicolo ha un aspetto che evoca apertamente i veicoli spaziali sognati negli anni Cinquanta, ma è decisamente proiettato nel futuro. Per Bezos il ritorno alla Luna è “la cosa giusta da fare e noi possiamo aiutare a rispettare questa scadenza. Ma soltanto perché abbiamo cominciato a lavorare in questa direzione tre anni fa. È tempo di tornare alla Luna e questa volta per restarci”.

La Blue Origin è stata fondata da Bezos diciannove anni fa, con l’obiettivo dichiarato di dare una svolta all’esplorazione spaziale. L’idea di questo lander sarà la ricerca di risorse primarie per gli esseri umani. “Una delle cose più importanti che sappiamo della Luna oggi – ha detto – è che lassù c’è l’acqua nella forma di ghiaccio. È nei crateri perennemente all’ombra sui poli del satellite. E l’acqua è una risorsa incredibilmente preziosa”. Bezos è convinto: “Non succederà in una generazione. Ma una delle cose che dobbiamo fare è ispirare quelle che verranno”.