Zelensky: “La ricostruzione dell’Ucraina è obiettivo comune”

La ricostruzione dell’Ucraina? Innanzitutto, è “l’obiettivo comune” delle democrazie. Un obiettivo che dovrà portare al “ripristino di uno spazio per vivere”. Così Volodymyr Zelensky, presidente ucraino, durante la Conferenza di Lugano sulla ricostruzione del Paese. Zelensky è poi intervenuto sul ritiro delle forze di Kiev da Lysychansk, nella regione orientale di Lugansk: “Se i comandanti del nostro esercito ritirano le persone da certi posti sul fronte, dove il nemico ha il vantaggio maggiore per potenza di fuoco, significa solo una cosa: che ritorneremo grazie alle nostre tattiche e all’aumento nella fornitura di armi moderne”.

Gli edifici danneggiati dall’inizio della guerra

Volodymyr Zelensky ha fatto il punto, inoltre, sugli edifici devastati in Ucraina (800mila) dall’inizio dell’invasione russa: “Sono state distrutte scuole, università, asili, pregiudicando il nostro sistema di istruzione – ha ricordato – sono state colpite 79 unità ospedaliere. Più di 12 milioni di ucraini sono stati costretti a diventare rifugiati o sfollati, alcuni di loro torneranno anche se non avranno la casa nella stessa città. Dopo questa guerra sarà difficile avere sensazione di casa”.

La risposta russa

Vladimir Putin, presidente russo, nel frattempo ha indicato a Sergei Shoigu, ministro della Difesa, di continuare con l’offensiva in Ucraina anche dopo aver assunto il controllo della regione di Lugansk: “Le unità militari, incluso il gruppo Est e il gruppo Ovest, devono portare a termine le loro missioni secondo i piani approvati in precedenza”.

Bombardamenti sul Donetsk

Secondo quanto appreso, sarebbero nove i civili morti e 25 i feriti nei bombardamenti russi di questa mattina sulle aree dell’Oblast di Donetsk. Questo quanto indicato su Telegram dal governatore ucraino della regione, Pavlo Kyrylenko: “I russi hanno ucciso nove civili nella regione di Donetsk: sei a Slovyansk, uno ad Avdiivka, uno a Bakhmut e uno a Zaitseve. Tra le vittime c’erano due bambini: uno a Slovyansk e uno a Zaitseve. Altre 25 persone sono rimaste ferite”. Adesso, la Russia mirerebbe a conquistare i punti strategici della regione di Donetsk, Kramatorsk e Sloviansk, con la presa di Seversk, che si trova a una ventina di chilometri da Lysychansk.

Le parole di von der Leyen

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha twittato: “L’Ucraina può contare sul nostro fermo sostegno, per tutto il tempo necessario”.

L’analisi del Washington Post

Per chiudere, un’analisi del Washington Post sul conflitto russo-ucraino. In pratica, negli Usa sarebbero stati sollevati dei dubbi in merito ai dati sostenuti dalla Casa Bianca e dal Pentagono. Dati, secondo quanto sostenuto, che sarebbero più “ottimistici” rispetto ai risultati raggiunti da Kiev.