Sudan, il capo del consiglio militare si è già dimesso

Il ministro della Difesa del Sudan Awad Ibn Auf ha detto di dimettersi come capo del consiglio militare transitorio del Paese, un giorno dopo che l’ex presidente Omar Al-Bashir è stato rovesciato in un colpo di Stato. Il tenente generale Abdel Fattah Abdelrahman Burhan sarà il nuovo capo del consiglio militare di transizione, Ibn Auf ha detto in un discorso trasmesso venerdì dalla televisione di Stato. Ibn Aufha dichiarato: “Io, il capo del consiglio militare, annuncio che sto rinunciando al posto di lavoro”. Ha detto che ha preso la decisione di preservare l’unità delle forze armate. Decine di migliaia di manifestanti sudanesi si sono radunati davanti al quartier generale militare di Khartoum, contro l’acquisizione militare del potere dopo l’espulsione di Al-Bashir giovedì. Il capo del comitato politico del consiglio militare, il generale Omar Zein Abedeen, ha detto in precedenza che il consiglio avrebbe intrattenuto un dialogo con entità politiche.

Il consiglio ha anche annunciato che non avrebbe estradato Al-Bashir per affrontare le accuse di genocidio alla Corte penale internazionale. Invece potrebbe andare sotto processo in Sudan. L’annuncio di venerdì di un futuro governo civile da parte di Zein Abedeen è apparso per rassicurare i dimostranti diffidenti che sono tornati nelle strade per mettere in guardia contro l’imponente dominio dell’esercito dopo la cacciata di Al-Bashir. Separatamente, Zein Abedeen ha detto che il rovesciamento dei diplomatici di Al-Bashir dopo 30 anni al potere è stato “non un colpo di stato militare”. Il consiglio ha anche chiesto aiuto per affrontare la crisi economica del Paese. Rivolgendosi al Consiglio di sicurezza dell’Onu venerdì, l’inviato del Sudan Yasir Abdelsalam ha detto che il periodo di transizione di due anni per il dominio civile potrebbe essere abbreviato. Abdelsalam ha offerto assicurazioni sul fatto che il consiglio militare avrebbe sostenuto un governo inclusivo a guida civile. ”Il consiglio (militare) sarà il garante di un governo civile da formare in collaborazione con le forze politiche e le parti interessate. Nessuna parte sarà esclusa “, ha detto Abdelsalam. Il Consiglio di sicurezza si è riunito per discutere della situazione ad Abyei, un territorio conteso dal Sudan e dal Sud Sudan. Zein Abedeen ha sottolineato che l’acquisizione militare non ha alcun programma politico o economico.

Ma l’associazione dei professionisti sudanesi (Spa) ha ribadito la sua richiesta di potere per essere immediatamente consegnata a “un governo civile di transizione”. Gli adoratori hanno riempito le strade intorno al ministero della Difesa per le preghiere del venerdì, hanno detto testimoni, ascoltando una chiamata della Spa per sfidare il consiglio militare. ”In linea di principio non respingiamo un consiglio militare, ma rifiutiamo queste persone perché provengono dal regime di Bashir”, ha detto Abdelhamid Ahmed, un medico di 24 anni al sit-in. ”Non vogliamo Ibn Auf, non vogliamo alcun governo militare”, ha detto un manifestante.

Chi è Ahmed Awad Ibn Auf? Un generale e un politico sudanese che attualmente è il capo di Stato di fatto del Sudan dopo aver preso parte a il colpo di stato sudanese del 2019. Auf in precedenza è stato il primo vicepresidente del Sudan dal febbraio 2019 all’aprile 2019. Awad bin Awaf è nato nei primi anni Cinquanta in un villaggio nel nord del Sudan e si è unito al collegio militare e ha ricevuto il suo addestramento militare in Egitto. Bin Auf è stato direttore dell’intelligence militare e della sicurezza positiva. Ha anche lavorato come vice capo di stato maggiore delle forze armate. Si è ritirato nel 2010, è stato nominato ambasciatore presso il Ministero degli Affari Esteri, poi Console Generale del Sudan al Cairo e poi ambasciatore a Khartoum nel Sultanato dell’Oman.

Auf era in una lista del maggio 2007 di individui sanzionati dagli Stati Uniti a causa del suo presunto ruolo di collegamento tra il governo sudanese e il Janjaweed nella guerra del Darfur e le sue strette relazioni con l’Iran. Ci sono accuse credibili che Auf abbia coordinato operazioni Janjaweed che hanno portato a bombardamenti aerei di Antonov su civili, villaggi attaccati, sfollamenti forzati e stupri di massa (Tawila, Nord Darfur).

Il 23 agosto 2015 è stato nominato ministro della Difesa del Sudan dal presidente Omar al-Bashir. Nel 2015, il presidente sudanese Omar al-Bashir ha emesso un decreto che lo nomina ministro del ministero della Difesa nazionale. L’era di Ben Auf è stata testimone di mutazioni qualitative nel campo e dell’artiglieria missilistica.