Marsiglia, una ragazza italiana sotto le macerie dei palazzi

Una ragazza italiana figurerebbe tra i dispersi che abitavano nell’edificio crollato ieri a Marsiglia. Questo è quanto si legge sulla stampa francese. Si tratterebbe della trentenne tarantina Simona Carpignano. Vicino al luogo del luogo del disastro, il cameriere di un bar piange la giovane di cui non si hanno più notizie. La conosce personalmente. “È una ragazza geniale – sostiene – studia da noi. Ricordo quando ha festeggiato la sua laurea”.

Il corpo di un uomo è stato invece trovato sotto le macerie dei palazzi crollati nel centro della città. È quanto ha annunciato dal procuratore della Repubblica, Xavier Tarabeux. “Altre otto vittime – ha detto – potrebbero trovarsi sepolte. Non è ancora chiaro se il corpo senza vita ritrovato dai soccorritori che continuano a lavorare senza sosta corrisponda a una delle otto persone disperse citate ieri dal ministro dell’Interno, Christophe Castaner”. “Sono qui, sono ora negli uffici della polizia giudiziaria, voglio notizie”, ha detto il padre della giovane. I genitori di Simona sono arrivati a Marsiglia, la città dove la figlia si era trasferita sei mesi fa per cercare lavoro. La madre il padre si trovano al momento nella sede del Comune francese dove stanno fornendo dati ed informazioni alla Polizia.  “Simona – hanno scritto su Facebook gli amici – è alta, magra, bionda, coi capelli rasta, occhi azzurri. Aiutateci a ritrovarla”.