Reddito: Inps inciampa su Fb, risposte piccate agli utenti

La pagina Facebook “Inps per la famiglia” dedicata alle informazioni e alle risposte sul reddito di cittadinanza viene presa d’assalto dagli utenti con richieste di ogni tipo compreso quella di chi chiede come avere il reddito lavorando in nero. E l’operatore dell’Istituto perde la pazienza. Insieme a risposte su come chiedere il pin e sui tempi di attesa per conoscere gli importi del sussidio, il social media manager spazientito ha scritto commenti taglienti, che sono diventati subito virali.

“Perché invece di ripetere le stesse cose - risponde a un profilo dal nome “Candy Candy forza Napoli, attivo sul social da ottobre 2018 - non va sul sito Inps e richiede il Pin che ci vogliono cinque minuti?” e alla risposta “Non so farlo”, ribatte: “Basta richiederlo a Poste o Inps. O è troppo impegnata a farsi i selfie con orecchie da coniglio”.

Molti commenti sono sugli importi, considerati troppo bassi rispetto a quelli attesi (il beneficio è un’integrazione rispetto al proprio reddito), ma ci sono anche richieste di informazioni singolari come quella della persona che chiede informazioni per il figlio che non ha mai lavorato (legalmente). “Se suo figlio sta lavorando in nero e fa domanda per il reddito di cittadinanza - scrive l’operatore - rischia fino a sei anni di prigione”.

I commenti sono diventati in poche ore molte migliaia e la pagina Facebook “Inps per la famiglia” ha pubblicato un avviso per frenare la crescita dei commenti e per scusarsi nel caso di risposte inappropriate.

“In linea con quanto previsto dalla netiquette (le regole di buona educazione della rete, ndr) e dalla social media policy della pagina e in considerazione del grande interesse e impatto del #redditodicittadinanza e di altre misure a favore della famiglia - scrive - risponderemo solo a commenti inerenti agli aspetti tecnici delle prestazioni erogate da Inps. Cogliamo l’occasione per scusarci con quanti possano essersi sentiti toccati od offesi da alcune nostre risposte”. Ma la gaffe insieme ai commenti sugli importi troppo bassi è immediatamente cavalcata dalla politica. Il Partito Democratico parla di “grande bluff che viene a galla” e di “spettacolo truce su Fb”, mentre da Forza Italia si sottolinea che il Governo “gioca sulla pelle dei più deboli”.

Mentre sulla pagina Facebook dell’Inps agli utenti che si lamentano per i pochi euro assegnati per il reddito, l’operatore risponde: “Chiedete ai rappresentanti politici che fanno le leggi non all’Inps che è chiamato ad applicarle”.